Combatti come un Leone
Difenditi come una Montagna
Sorgi come il Sole
Muori come un Eroe

mercoledì 13 ottobre 2010

L'Alchimista



non avere paura
non c'è nulla da cui fuggire, nulla da cui scappare.
Non sono mai stata prigioniera, mai nessuno mi ha costretto, non ero in nessun luogo che non fosse quello giusto.
Qualunque gesto, ogni azione erano quelli necessari.
Con me non c'era nessuno eppure non ero sola, quindi come sentirmi abbandonata?
Non c'era guida, eppure cercavo i passi di chi pensavo mi avesse preceduto
eppure,,chi si muove legero può lasciare passi?.......
Mi sono voltata, dietro la grotta, davanti il mercato e le sue voci.
Ho lasciato la grotta per entrare nei sussurri del mercato.
Così doveva essere.
Sono un guerriero?
E i guerieri non sono sempre onesti, sinceri?

oppure

si distraggono ,percorrono il sentiero più corto
inciampano e sono maldestri
si concedono di "eludere"
sono irreprensibili
sono stanchi e lasciano correre
si nascondono sperando di non essere visti....
Così girano a volte a vuoto....a volte a pieno....
Fino a quando mi fermo.
Allora sottile, il dubbio arriva
si insinua e credi di non essere affatto un guerriero
perchè penso:i guerrieri evitano di dubitare, loro devono questo....non devono quello...
Credo di fare il giusto, ma poi si rivela un pasticcio.
Una volta, due, tre...e ti senti tradita.
Ma non ero un guerriero? Ma la forza non è sempre con me?
Allora perchè va male? dove sbaglio, dov'è sta forza?

Poi succede...

In un attimo ritorna il silenzio, il mercato tace.
E' bastato un attimo talmente fuggente che ho rischiato di non riconoscerlo.
Talmente eterno ed infinito che racchiude tutta la saggezza.
Un attimo totale, completo.
Sono un guerriero?
SI.
SI.
SI.
Non c'è bisogno di altro perchè il Tutto è qui è già con me. IO lo so.

Io sono Artù, e anche Merlino, e la Spada.
Io sono la Grotta ma anche il mercato.
Io sono la Fodera e anche il guanto e la mano che brandisce.

E il Mago sussurra di nuovo.
"respirate...e sarà lì"

I have a dream

Arrivare ad essere tutti fratelli, tutti amici...
Lo penso anche io , mi piace pensare che sia possibile. Nel momento che ci accorgiamo che la persona che abbiamo davanti è fatta di carne e di sangue, se riusciamo a mettere da parte idee politiche e religiose , rimane l'uomo, il ViVente.
sono buone intenzioni, e restano utopia, un giorno chissà, I have a dream........

sono giunta a questo: la ricerca di Dio, nasce dal desiderio di rispondere alla domanda finale: Sono stato creato ? da dove vengo?
nessuno sa rispondere in verità a questo, ogni risposta è soltanto un concetto, una supposizione, un idea, e tale rimane, dentro a tutte le religioni . Anche la scienza, spazia dentro a teorie, proposte per verità, come quella di Darwin e ci confonde da decenni.
La TEORIA regna sovrana.
Congetture... e ancora e ancora, inventate da uomini che cercavano una risposta e non avendola trovata, continuano a formulare credenze vecchie e nuove.
La risposta migliore resta questa : " io credo in ciò che che mi fa stare bene, questo vuol dire armonia, con l'Intero Universo"

domenica 10 ottobre 2010

IL PORTALE 10-10-10

Cedere, abbandonarsi e sacrificarsi: questi sono gli attributi chiave in grado di descrivere l’attuale fase di crescita e sviluppo evolutivi. Nel momento in cui l’illusione della realtà comune si chiarisce, per noi è essenziale ESSERE adesso gli Operatori di Luce e attivare dentro di noi il ponte di luce arcobaleno necessario tra i mondi.

Come Esseri Umani ci sono stati dati doni rari e sacri che devono essere usati per elevare l’Anima e far avanzare il processo evolutivo. Questi doni speciali vengono adesso risvegliati dentro il nostro Cuore e viene attivata la memoria della nostra saggezza e conoscenza interiore. Ci viene chiesto di attingere al Canto della Creazione e di risvegliarci al nostro linguaggio originale, il linguaggio dell’Amore e della Luce.

Dentro l’Amore e la Luce incorporati da ogni singola cosa vivente si trova il nostro Canto di Creazione – la conoscenza dell’evoluzione della Terra e la consapevolezza della sacralità di tutta la vita. Abbracciando questa consapevolezza siamo in grado di scoprire le nostre origini e di accedere al nostro destino, dato che è codificato all’interno del DNA. Quando ci riconnetteremo con le nostre antiche origini, il flusso dell’energia si muoverà attraverso il DNA attivando le nostre registrazioni personali e ci permetterà di fluire con facilità verso il nostro destino, risvegliando la memoria del nostro unico scopo e ragion d’essere.

Il vero sentiero verso la Luce e l’Amore del Creatore, il Grande Spirito, viene rivelato. Il percorso non è facile, ma è bellissimo e ci dona la capacità di connetterci con l’amore e la luce del Creatore che fluiscono incessantemente, e ci aiutano a muoverci con grazia e facilità attraverso questi difficili e oscuri momenti nel tempo.

Se durante questi tempi di crisi e caos seguiamo il Cuore, lungo il sentiero saremo in grado di sentirci sicuri, liberi dalle nostre paure e riusciremo a mantenere la chiarezza mentre veniamo sfidati. Ci troviamo in un momento di profondo rinnovo e rinascita e dobbiamo scoprire a cosa siamo attaccati e lasciare andare. Le paure e il bisogno del controllo hanno dominato il mondo ed è tempo di perdonare noi stessi e fare tutto il necessario per invertire questa tendenza.

Le informazioni codificate contenute nelle cellule vengono rilasciate, permettendo ai centri energetici di aprirsi completamente e consentendo un allineamento dei corpi Spirituale, mentale, emozionale e fisico. Onde di energia risanante accrescono la nostra sensibilità e imprimono sentimenti di pace, rendendo possibile ai nostri sacri doni di nascere nel regno del piano Terrestre.

Attraverso quest’accresciuta sensibilità siamo in grado di accedere al potere della nostra volontà superiore e di attivarlo in tutto ciò che diciamo e facciamo. Il nostro potere sostiene la nostra forza ed è il nostro coraggio. Incanalando il nostro potere superiore, impersoniamo i valori del principio dell’amore, esistendo perciò all’interno dei confini dell’equilibrio e della dignità.

Nell’ordine della nostra esistenza, stiamo sperimentando una crisi perché abbiamo progettato un sistema conformista e creato un modo di vivere immobile. In questa crisi ci viene offerta un’importante lezione sul sostegno e la sicurezza. Se esaminiamo il mondo da una prospettiva superiore, siamo in grado di riconoscere che il vecchio modo di organizzare e le vecchie strutture non sono altro che un riflesso dei nostri stessi schemi di comportamento e abitudini consolidate.

Dobbiamo osservare attentamente ciò che in precedenza ci siamo attribuiti come nostro diritto di nascita e gli attaccamenti e le credenze che sosteniamo. Come assistenti della Terra ci si aspetta che utilizziamo il potere della natura per il bene, che rispettiamo il mondo naturale e percorriamo un percorso di equilibrio. La natura è la nostra guida e ci aiuterà a creare la visione di un nuovo mondo dove onoreremo e rispetteremo tutta la vita, realizzando un equilibrio tra il Cuore e la mente.

Sulla Terra la Luce si riunisce e si manifesta, generando la luce Spirituale e l’unità di tutta la creazione sostenuta all’interno delle più difficili delle energie. Sta sopraggiungendo un equilibrio energetico che consentirà una libertà dall’oppressione del passato e dalle strutture patriarcali. La falsa idea della separazione tra la coscienza e l’evoluzione Spirituale viene dissolta e a noi viene offerta l’opportunità di abbracciare e conoscere coscientemente la nostra Divinità innata.

In questo salto radicale di coscienza, il nostro senso di identità sta cambiando dall’essere motivato dalla paura e dall’impulso della sopravvivenza fisica, all’essere motivato dall’amore incondizionato e da una grande saggezza. Veniamo invitati a separare i veli dell’illusione e a liberarci dalle antiche costrizioni della paura, del senso di colpa, della vergogna, del dubbio e del diniego. Ci viene offerta una vera liberazione su tutti i livelli che ci permetteranno di elevarci e di reclamare il nostro vero diritto di nascita.

È un tempo di celebrazione, mentre i misteri della vita iniziano un nuovo ciclo. Il cordone energetico che ci lega alla nostra Madre Terra viene rafforzato permettendo alle frequenze superiori della luce Spirituale di fluire attraverso il corpo fisico e quindi riversarsi nel mondo.

Stiamo entrando nell’Era della Luce e il processo e la meta della nostra crescita Spirituale è portare la vibrazione della materia fisica in risonanza con la vibrazione dello Spirito. Dobbiamo focalizzarci sul diventare un canale per la Luce e l’Amore del Creatore e manifestare quella Luce e quell’Amore nel regno fisico attraverso i pensieri, le azioni, le parole e i fatti. È attraverso di noi che l’Era della Luce nascerà nel mondo e con questa consapevolezza dobbiamo esprimere la Luce e l’Amore del Creatore attraverso tutto quello che diciamo e facciamo.

Mentre la nostra nuova vita si dispiega, un flusso di pura energia risanante genera un ripristino e una guarigione delle nostre cellule e crea un collegamento diretto con la struttura energetica del nostro DNA, consentendoci di decodificare i misteri contenuti all’interno. La nostra rapida guarigione, elaborazione e integrazione delle memorie cellulari sta creando chiarezza dentro di noi. Il nostro cuore, mente e corpo vengono purificati da ciò che ha recato così tanta sofferenza alla nostra Anima. La nostra evoluzione personale viene accelerata, e fa sì che i vecchi schemi di dipendenza, attaccamento e abuso si attenuino. Le nostre abitudini negative e auto-distruttive vengono eliminate e le scelte che compiamo adesso possono portarci al centro dell’auto-realizzazione o possono lasciarci alquanto intatti.

La credenza nell’illusione della separazione ha provocato i nostri squilibri e accettando l’Amore del Creatore nella nostra vita, riusciamo a guarire e a riportare il corpo in linea con la Luce. La luce consente una rinnovata chiarezza e sta dissipando l’oscurità che ha avvolto la nostra vita. Siamo nel centro perfetto dove le forze armoniose dell’Universo stanno unendo e irradiando la luce dorata della coscienza attraverso tutta la Creazione. Siamo invitati a muoverci con e dentro questo flusso di coscienza, permettendo al Creatore di accendere la fiamma dell’unità dentro il nostro Cuore.
Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven Like a Star @ heaven
di Kate Spreckley

domenica 3 ottobre 2010

Dragologia: Manuale Tecnico

I Draghi Preistorici

Diversamente dai Dinosauri i Draghi hanno lasciato rari resti fossili. Possiamo solo augurarci che un giorno i paleontologi rinvengano ciò che resta degli scheletri di un megalosaurus e del progenitore dei Draghi moderni che chiameremo draconodonti, morti magari in una lotta spaventosa. Nel frattempo se vogliamo scoprire qualcosa sul draconodonte e sul modo con cui si è evoluto dobbiamo basarci su ciò che è noto dei draghi moderni. Seguendo la teoria di Darwin, daremo per certo che, come gli altri animali, i draghi si sono evoluti adattandosi all'ambiente. Dato che nel mondo moderno e' amissibile l'esistenza di un grande predatore alato che sputa fuoco, possiamo supporre che ciò sia valido anche per il passato.
I reperti fossili lasciano pensare che siano esistiti animali di grandi dimensioni con ali e artigli. Mancano tuttavia le tracce delle zanne con cui i draghi sputano il loro veleno infiammabile. Dunque non si sa se il Draconodonte- il cui nome significa dai denti di drago- sputasse fuoco.


IL DRACO stupidus dell'Isola di Pasqua

era uno dei pochi draghi predatori capaci di divorare esseri umani , sceglieva le sue vittime tra gli uomini con le teste più grandi.Per difendersi gli islani scolpirono teste in pietra di dimensioni colossali, prese di mira dal drago, come prede. Incapace di sfamarsene questo drago fini' per estinguersi.

Nota dell'editore: per quanti si sia fatto tutto il possibile per assicurare l'accuratezza delle informazioni riportate in queste pagine, i draghi riservano molte sorprese, Dunque qualsiasi differenza riscontrata tra i le illustrazioni e gli esemplari avvistati- per esempio il numero delle dita o il colore della pelle- è riconducibile agli artisti che hanno raffigurato gli esemplari sul campo.( edizioni Rizzoli)

Nota di Drago Blu: dove finisce la verità ed inizia la leggenda?

sabato 2 ottobre 2010

Mondi paralleli

Vivi per decenni a fianco di persone che infine dei conti, se ti domandano chi sono, che tipi sono, risponderesti: "Sono brave persone, gente tranquilla, a posto."
Poi succede che arriva la polizia, li arrestano per spaccio, stessa età di tuo figlio, ai tempi suoi compagni di scuola, e ti accorgi che sono estranei, che non sappiamo mai veramente che persone abitano vicino a noi.
Non voglio criticare il comportamento o quanto è successo, voglio porre l'accento sul fatto che siamo dei perfetti sconosciuti,  anche se vicini di casa, qualche parola, qualche scambio, ma estranei nella sostanza, distanti,  abitanti paralleli di mondi paralleli, che si incrociano solo qualche istante per qualche parola di convenienza.