Combatti come un Leone
Difenditi come una Montagna
Sorgi come il Sole
Muori come un Eroe

sabato 24 dicembre 2011

buon Natale e felice anno



Era festa dovunque: in ogni chiesa, in ogni casa: intorno al ceppo,
lassù; innanzi a un Presepe,
laggiù; noti volti tra ignoti riuniti in lieta cena;
eran canti sacri, suoni di zampogne, gridi di fanciulli esultanti, contese di giocatori...
E le vie delle città grandi e piccole, dei villaggi, dei borghi alpestri o marini,
eran deserte nella rigida notte.
E mi pareva di andar frettoloso per quelle vie,da questa casa a quella,
per godere della raccolta festa degli altri;
mi trattenevo un poco in ognuna, poi auguravo:
- Buon Natale
Luigi Pirandello 

un augurio dal cuore, un felice Natale per tutti noi.

lunedì 19 dicembre 2011

COME TI STENDO L'ANGELO

SUPERFACILISSIMO, ve lo spiego in due parole.
Primo, spedsci i circa 100 messaggi privati sul forum.
Secondo rispondi a chi ti risponde. Altri 100 mp.
Poi rettifica con altrettanti mp.
Terzo organizza un post a sorpresa sul forum dedicato all'angelo
Quarto nel post basta dire  Ti vogliamo bene Prema
Ultimo: attendi che l'angelo  cada in catalessi  dallo stupore.... e il gioco è fatto.

gh gh gh gh.....tsz tsz tsz tsz. Smak.

mercoledì 14 dicembre 2011

santa Maria della misericordia mandacela bona....

Ma bona davvero.
Allora, per i pochi esclusi ricorderò che il giorno 7 dicembre sono stata operata   per un interventento di tiroidectomia totale.  I  m'à  levà tut  'somma. Che non è latino.
e vi dico anche dove, nel reparto di O:R:L:  dell'Ospedale S:Maria della Misericordia di Rovigo.

In verità avrei dovuto essere operata a Padova, sapete,  dove una notissima Dottoressa  fa  la  differenza per questo tipo di interventi nella regione Veneto.
Ci credo, con quello che costa la visita . A me ha dato un occhiata, che a dire la verità il mio gatto ci mette di più quando lo fa e poi: - Sono 160.
  Alla faccia del bicarbonato di sodio soleva dire il grande Totò. Ma la cosa più bella è che io non ho voluto fare domande appposta,  per testare il personaggio e il suo comportamento. Il risultato è stato meno di dieci minuti di visita, silenzio su qualsiasi tipo di informazione utile, due richieste, una per la tac e una visita per l'otorino, da fare il prima possibile e ciao bel. Invece di    Fuori in 58 secondi  lo chameremo Fuori in dieci minuti, il prossimo film. .
Personalmente mando a dar da via i ciap per molto meno di cosi' e ho cancellato l'intervento.

 Però  mi appropinquo alla visita dall'otorino richiesta dalla luminare e col cazzo che la faccio a Padova, decido per Rovigo. E anche l'intervento ho deciso di farlo in questo Ospedale, a Rovigo.. Nel reparto Specialistico O.R.L.

Non saprei dire poichè non ricordo quante siano le mosse azzeccate, in totus, che mi siano capitate...fatemi pensare, in totus  ecco direi, manco una.  Gh gh gh gh. Infatti manco una, ma questa questa ehh, ragà, è un altra storia.

Ora passo a dire poche cose, rilevanti ed importantissime.
I nomi di coloro che fanno parte di questo reparto specialistico sono tutti on line e li potete trovare facilmente sulla pagina del sito.
In 6 giorni di degenza ne ho incontrati una buonissima parte. Altri  li ho conosciuti in sala operatoria.

Sono Angeli, angeli  amorevoli, tutti, nessuno escluso,  di grandissima professionalità, competenza, disponibilità,  responsabili, attenti alle esigenze,  pronti e gentili.
Ti spiegano, ti parlano, rassicurano, sorridono e scherzano, vogliono comunicare e trasmettono tranquillità e sicurezza.
Guardate che io difficilmente mi sbilancio in questo modo e se lo faccio è perchè ho un ottima ragione , ho la necessità di ringraziare apertamente tutti tutti coloro con cui ho avuto a che fare in quei 6 giorni.
GRAZIE A TUTTI,  grazie per come avete scelto di portare avanti il vostro lavoro,  per chi arriva da voi, siete  le persone giuste al momento giusto. Continuate cosi'.

martedì 13 dicembre 2011

i dieci principi della filosofia ZEN


1: Vivi qui e ora; tanto ti manca il dono dell'ubiquità
2: Fai attenzione a tutto quello che fai; o finisce che pesti una cacca
3: Sii autentico verso i tuoi sentimenti; che è meglio che pagare poi gli alimenti alla ex
4: Ama te stesso; tira il collo al gallo del vicino e finalmente dormirai...
5: Impara a lasciare andare;tutto tranne i soldi che ti devono
6: Sii onesto con te stesso e con gli altri; a fregarli fai sempre tempo
7: Sii consapevole dei tuoi desideri; cosi' sai come spendere la tredicesima senza perdere tempo
8: Sii responsabile di te stesso e del mondo; cosi' sanno chi cercare e dove trovarti e a chi dare la colpa
9: Non opporti al flusso della vita; i sali inglesi hanno un gusto pessimo
10: Trova la pace interiore, per l'esteriore ci pensa la chirurgia plastica


che razza di  eretica  miscredente che sono... meglio tentare la fuga..gh gh gh

lunedì 28 novembre 2011

SIAMO TUTTI MAESTRI ( del cavolo )


Qualche anno fa ho avuto modo di conoscere  una certa persona e di lavorarci insieme .
Ero convinta che potessimo avere  in comune idee, punti di vista, obbiettivi. Quando c'è modo di frequentare persone con cui i punti in comune sembrano essere rilevanti penso che sia normale  possa subentrare un certo fascino derivante dall'espressione collettiva di tutti i presenti. Messi tutti insieme, attraverso esperienze comuni ci si sente molto in gamba e soddisfatti, alla fine.
Poi capita che nonostante i bagni frequenti e le disinfestazioni tramite shampoo appositamente studiati ci sia sempre la solita pulce rompiballe che sa come svicolarsela e dove  ti finisce? ovvio, nell'orecchio.
E' una delle peggori, posso grattare e riempirmi di croste ma quella sta sempre li', ci gode, rimbalza di qua e di là ma sembra immortale, cosi' sono costretta  a porgerle attenzione, la bastarda.
Deve essere di una razza particolare,  di quella che trasmette il virus corrosivo  Distructions,    appartenente all ceppo   Vaffangalismaestrum è' merdas  ,   che attacca prima il sistema centrale là dove si era annidiata la più precoce  delle insidie  :   quella che determina a livello del sistema nervoso centrale un effetto gratificante e competitivo nei confronti dei recettori oppioidi attivati dalle sedute col  pseudo maestro-guida-terapeuta.


Il risveglio che ne  è conseguito mi ha permesso di rendermi conto del pericolo corso: cioè come sia facile farsi accalappiare da chi bene sa vendersi attraverso parole parole parole parole ben ricercate per l'occasione determinante di ottenere seguito.
Alzi la mano fra di voi chi almeno una volta non si è trovato di fronte a tipi come questi, che amano mostrare a tutti il loro percorso, zeppo di incontri ravvicinati e apparizioni , di viaggi cosmici e canalizzazioni , il tutto sbandierato di continuo alla minima occasione, lasciando fluire......fino alla nausea.
Ma sempre molto umilmente, poichè si proclamano strumenti nelle mani delle Guide e da esse vengono plasmati per aiutare chi si rivolge a loro. E plasmano e illuminano con fervore molto umilmente continuando a raccontare di come e di quando si sono accorti delle potenzialità che avevano e di come e di quando si sono manifestate e vai di continuo su quante ne hanno passate e di come in ogni istante tra l'altro perfetto, siano in contatto con Esseri Superiori.


Poi succede che durante un lavoro mi accorgo di come sia veramente, questo tipo, di cosa porta, questo portatore /trice, e mi si sbarrano gli occhi.
Prego?
E tu saresti cosa?

Sono convinta di due cose: Primo,  chi sa fare non lo va a raccontare e sbandierare , Secondo,  chi sa fare non parlerà mai di se e di come ci sia arrivato.
C'è anche un terzo punto: chi sa fare è l'umiltà in persona.
Poi c'è chi sa fare ed è un figlio d' antiocchia,  e  la colpa non è sua, ma di chi continua dargli seguito.

guardati dai falsi maestri, diceva qualcuno e io aggiungo: e vedi di pararti il culo . 


strabacioni a tutti.



martedì 15 novembre 2011

SHUNKA MANITO TANKA HOTA


SHUNKA MANITO TANKA HOTA
benvenuto  fratello
Ma quanto sei bello.
Il Lupo è il pioniere, il precursore di nuove idee, che ritorna nel clan per insegnare e condividere la medicina.
Il Lupo prende una sola compagna per la vita, ed è leale come il Cane.
Se tu frequentassi i Lupi, scopriresti nel branco un enorme senso della famiglia, nonché un fortissimo impulso individualista, qualità che rendono il Lupo molto simile alla razza umana: anche noi umani possediamo la capacità di fare parte di una società oppure di continuare ad incarnare i nostri sogni e le nostre idee individuali.
Nella Nazione della Grande Stella, il Lupo viene rappresentato dalla Stella Cane, Sirio, la cui leggenda narra che fu la casa originaria dei nostri maestri nei tempi antichi. Secondo gli antichi egizi Sirio era la casa degli dei, e viene ancora considerata come tale dalle tribù dei Dogan in Africa. Era ovvio che i Nativi Americani esprimessero esattamente questo stesso collegamento ed adottassero le persone-Lupo come il clan dei maestri.
I sensi del Lupo sono molto acuti, e la luna è il suo Potere Alleato: la luna è il simbolo della energia psichica, o del inconscio che ha in sé i segreti della conoscenza e della saggezza, e ululare alla luna potrebbe essere un’indicazione del desiderio del Lupo di mettersi in contatto con nuove idee che si trovano appena sotto la superficie della coscienza.
La medicina del Lupo da al maestro che è in ognuno di noi, la forza di venire fuori, ad aiutare i figli della Terra a comprendere il Grande Mistero e la Vita…
è associato alla stella Sirio nella costellazione dei Cani Maggiori, ed è stato a lungo considerato dai Nativi americani come un maestro e una guida; è un maestro che torna col suo branco dopo un lungo vagare per raccontare a tutti le nuove cose osservate e le nuove esperienze fatte . I lupi sono leali con il loro compagno e monogami ed hanno uno forte senso della famiglia mantenendosi al contempo individuali. Quando un lupo ulula alla luna, si identifica coi suoi poteri e la sua energia spirituale ed entra in contatto con l'inconscio attraverso il quale accede alla conoscenza.
I lupi sono anche tra i più fraintesi animali selvatici, storie sul loro sanguefreddo e spietatezza sono state diffuse ingiustamente in quanto sono animali affettuosi sociali e intelligenti. Sono dei grandi spiriti liberi tuttavia i loro branchi sono ben organizzati.

Tradizionalmente qualcuno con la medicina del Lupo ha un grande senso di indipendenza e comunica perfettamente anche attraverso sottili cambiamenti nella tonalità di voce nelle inflessioni e nei movimenti del corpo. Spesso loro trovano soluzioni ai problemi apportando stabilità e compresioni propria delle strutture familiari. La medicina del lupo comprende anche la forza di fronteggiare con dignità e coraggio la fine di un ciclo. Sono degli spiriti maestri, guide attraverso i sogni e le meditazioni, istintivi e intelligenti, sociali e con alti valori famigliari, superano in astuzia i nemici, posseggono l'abilità di passare non visti.

Il Lupo può darti il potere di diventare un maestro per gli altri per far meglio capire agli altri come trovare il proprio sentiero. L'energia del lupo permetterà inoltre di stabilire una connessione con il tuo leader interno. Il lupo potrebbe anche volerti dire di cercare dei luoghi solitari che ti permettano di vedere il tuo maestro intreriore: in un luogo pieno di potere, lontano dagli esseri umani potresti rtovare il tuo vero te stesso.

La visione del lupo come psicopompo, cioè guida verso l’aldilà, è antica quanto le origini dell’uomo; lo testimoniano anche i ritrovamenti di urne cinerarie a foggia cinocefala, attribuite alla culture indo-europee. Una visione molto diversa da come oggi la nostra cultura considera il lupo: come siamo giunti ad un tale cambiamento e cosa ha indotto l’uomo a considerare l’animale da compagno a minaccia da sterminare? I più recenti studi etologici ci consegnano l’immagine di una animale mite, monogamo, sollecito con la prole, dotato di comportamenti sociali e non aggressivo nei confronti dell’uomo. Una creatura, tutto sommato, piuttosto diversa dall’immagine leggendaria di malvagio e sanguinario predatore che l’uomo gli ha cucito addosso nei secoli; Piuttosto è facile distinguere delle assonanze tra lupi ed umani tanto che si perde nella notte dei tempi l’usanza di tenere come compagno, sorvegliante di greggi o compagno di caccia il lupo nella sua più diffusa “trasformazione” in cane.

L’uomo primitivo migrò col lupo durante le glaciazioni, dall’America del Nord, all’Eurasia, accompagnando le stirpi indo-arie nella loro diffusione nell’Europa e nel sub-continente indiano. Nell’allora sistema sociale di tipo nomade (cacciatori – raccoglitori) il lupo era un competitore che, nella medesima nicchia ecologica, perseguiva le stesse prede; ma era più abile, perché più veloce, dotato di sensi più acuti, con un’invidiabile visione notturna e “armato” dalla natura con zanne ed artigli. L’uomo, pur rivaleggiando con lui, lo venerava quale mirabile esempio di predatore, dal quale carpire tattiche ed astuzie. Il cacciatore, per eccellere nel suo intento, doveva perciò ingraziarsene lo spirito che, nelle culture sciamaniche, avveniva per via emulativa; vale a dire facendosi “colmare” dall’essenza della bestia sino ad assumerne il comportamento, l’aspetto e persino i poteri. Questo fu, con ogni probabilità, il primo esempio di “licantropia”: ovvero la capacità umana di trasformarsi (col sussistere di certe condizioni) nel proprio animale totemico, nel nostro caso il lupo. Questa trasformazione avveniva (e continuerà ad avvenire, come vedremo, almeno sino al X secolo) tramite rituali estatici che prevedevano l’emulazione delle movenze ferine e l’assunzione di specifiche sostanze (funghi sacri, piuttosto che alcol o bevande a base di erbe); indossando la pelle dell’animale se ne assumeva l’aspetto e le movenze, grazie all’ingestione della “sostanza sacra” se ne acquisiva la spiritualità, la forza ed il coraggio. Ora lo sciamano era la divinità-lupo che guidava danze propiziatorie piuttosto che la caccia stessa, come sembrano dimostrare alcune pitture rupestri.

Agli albori dell’Età del Bronzo la maggioranza delle stirpi adottava ormai uno schema sociale di tipo stanziale, basato su: agricoltura, caccia ed artigianato, con culti femminili e “lunari”, incentrati sui riti di fertilità e scanditi dalle lunazioni che scandivano una vita sociale basata su ritmi stagionali tipici della forma societaria stanziale. L’incontro tra queste numerose realtà con le popolazioni nomadi, il cui culto virile si basava su immagini solari e sciamaniche, diede luogo ad un’affascinante fusione di culture alla cui base stanno i numerosi “miti degli inizi” che vedono il lupo quale protagonista. Febo e Artemide (rispettivamente legati a Sole e Luna) che vennero partoriti da Latona, trasformata in lupa. I Sabini stessi si proclamavano “figli del lupo” ed è per questo, forse, che ad una lupa venne affidata la protezione ed il sostentamento dei divini gemelli Romolo e Remo, fondatori di Roma. Ancora più a Sud lo stesso Osiride, dopo lo smembramento del suo corpo ad opera del malvagio fratello, rinasce sotto forma di canide. Infine anche nella cultura mongola il Lupo Celeste è progenitore di eroi, l’ultimo dei quali fu il noto Gengis Khan.

Notiamo che l’antica sovrapposizione tra i culti della caccia e quelli della fertilità investono, un po’ in tutte le culture, il lupo come animale propiziatore delle fecondazioni. Cito, a tal proposito, i lupercali dell’antica Roma dove i seguaci del Dio Luperco (attorno a metà febbraio) percorrevano seminudi le vie dell’urbe percuotendo le donne in età fertile con corregge di pelle, rievocando così gli albori della fondazione della Città trasfigurati nell’evidente rituale di fecondità e rinascita praticato.
Il lupo tuttavia non si limitò ad incarnare i miti di nascita e fecondità, già ai primordi dell’età del ferro le culture guerriere norrene e mitteleuropee consideravano il lupo (e suoi totemici parenti, quali l’orso ed il cane) come modelli di coraggio e possanza: simboli di una casta guerriera d’elité. Riassumendo le varie fonti giunte sino a noi (la maggior parte tardive e contaminate dalla fede cattolica dei redattori) siamo in grado di tracciare un profilo plausibile di quello che poteva essere un ulfhednar (guerriero-lupo) o un Berserkr (guerriero-orso) e la loro evoluzione nell’ambito dell’europa.

Già Tacito (nella sua opera “Germania” ) ci riferisce di feroci guerrieri (gli Arii) con scudi neri, dal corpo nudo e tinto che prediligono gli scontri notturni, facendo così eco ad una tradizione guerresca che affonda profonde radici nella mitologia nordica. Lo stesso Odino è forte del suo manipolo di sacri guerrieri che lo affiancano nella Valhalla e che spesso vengono associati agli ulfhednar e Berserkr. Nella società guerriera germano-scandinava questa elite militare combatteva in reparti di altissimo prestigio, organizzati in caste militari fortemente gerarchizzate e legate alla divinità cui erano consacrate, godendo così di un’aura di potente sacralità, rispetto e terrore. Ispirati dalle remote, e già citate, pratiche sciamaniche dei loro antenati essi incarnavano l’essenza dell’animale lupo (o orso), la ferocia, l’astuzia ed il temibile aspetto. Questi uomini erano soggetti ad iniziazioni sacerdotali condotte con l’assunzione di sostanze alcoliche e psicotrope (funghi, erbe, idromele o birra) e rituali di tipo estatico, durante i quali il guerriero cadeva in uno stato di trance di tipo sciamanico. Non possiamo escludere che una delle prove da sostenere fosse la caccia e l’uccisione dell’animale che, con l’assunzione delle carni e del sangue, entrava letteralmente nel corpo del guerriero elargendogli le tanto ambite qualità. Questa gente vestiva pelli di lupo, portava lacci di cuoio alle gambe e rumorosi anelli metallici, mordeva gli scudi e “ululava” durante le battaglie per atterrire oltremodo il nemico.
Impossibile a questo punto trascurare la progressiva trasformazione della figura del lupo in un elemento temibile, a tratti inquietanti e comunque legato ad un’azione violenta (quella guerriera, appunto).

Del resto simile metamorfosi avviene anche presso il Monte Liceo, in Arcadia, presso il quale si compivano riti di antropofagia in onore dell’animale. Qui è lo stesso Giove ad “intervenire” e condannare lo stesso Licaone (capo spirituale di tale culto) alla dannazione, folgorandone la reggia e tramutando lo stesso re in lupo. Già dall’evo antico quindi la figura lupesca assume connotazioni chiaramente minacciose ed esecrabili dove il regno dei morti è sorvegliato da Cerbero (lupo a tre teste) e Ade, sovrano degli inferi, indossa una pelle di lupo che gli dona l’invisibilità. Anche presso gli Etruschi il Re dell’oltretomba (Ajita) indossa il medesimo pellame e, presso i Celti, il lupo è carnivoro funebre e lo si rappresenta seduto sui posteriori nell’atto di divorare un uomo.

L’evoluzione culturale rende scomoda e pericolosa la vecchia immagine lupesca alla quale si compivano sacrifici propiziatori, trasformandoli, a poco a poco, in gesti di scongiuro: non si prega più perché il Grande Predatore interceda ma perché sia lontano. Ed anche lo Sciamano, che assumeva in se lo spirito della tribù, si trasforma in creatura esecrabile, gettando le fondamenta per il futuro stregone dedito a culti infernali.
Certamente le invasioni delle genti nordiche con i loro guerrieri-lupo contribuì a rafforzare e consolidare il rapporto tra le tradizioni scaimaniche-pagane ed il demonio del nuovo culto cristiano; demonio che la chiesa cattolica combatté con campagne di evangelizzazione cruenta proprio nel seno di quelle popolazioni norrene che ben lo rappresentavano. Così la figura dell’ulfhednar perde l’aura di orrore sacrale per assumere il nuovo carattere di maledizione diabolica, entrando così in pieno nella casistica della stregoneria.

Nell’Europa cinquecentesca la figura dell’Uomo-Lupo era ormai inesorabilmente legata con quella dello stregone schiavo del demonio; giunge così alla parabola più bassa il mito del lupo: trasformato da Spirito tutelare e guida delle Anime a demone da evocare quale trastullo di Satana o per soddisfare la sete di sangue grazie al camuffamento animalesco.
E sarà in questo status, in cui il sacro ha dato luogo al bestiale, che prenderanno vita le innumerevoli leggende, racconti e fiabe legate al Lupo Mannaro ed alle sue trasmutazioni nelle notti di plenilunio.
Con buona pace dell’Inquisizione la figura del Lupo Mannaro ha la sua massima diffusione in Europa tra il quattrocento e seicento; in questi anni infatti assistiamo ad una vera e propria epidemia di licantropismo al quale vengono attribuite tutte le caratteristiche ed i sintomi utili all’identificazione ed allo sterminio di tale razza satanica. Diviene licantropo chi nasce in occasione di festività cristiane importanti (perché il suo venire in un tempo sacro è vista una profanazione), ma anche dormire a volto scoperto sotto la luna non lascia scampo alla trasformazione. Più spesso si diventa Lupi Mannari per intercessione diretta del Diavolo, che così da origine ad un manipolo di schiavi per il Sabba scegliendoli, ovviamente, tra persone dalla condotta esecrabile. E poi ancora la persona suscettibile di trasformazione era riconoscibile da alcune peculiarità: corpo eccezionalmente peloso, occhi iniettati di sangue, dentatura ferina e comportamento irascibile. E potremo continuare per molto con miti e leggende create dall’ignoranza popolare e dall’astuzia del braccio inquisitorio.

Dopo secoli e secoli di ininterrotta persecuzione il lupo oggi sopravvive a stento in poche aree protette, costantemente monitorate contro la stupidità e nefandezza dell’animo umano. Un lupo che negli ultimi anni pare incrementare a fatica il proprio numero di esemplari, quasi volendo dimostrare che, nonostante le crudeltà e l’immagine temibile attribuitagli, lui ancora c’è. Pronto a riassumere il ruolo che gli spetta: compagno, guida, amico e coraggioso aiutante [...]
da: fantasy Italia.


lunedì 14 novembre 2011

alla faccia del portale

11-11-11
Come vi sentite quando la casa è completamente invasa dagli amici?
Sono partita già con una flotta intera al seguito, gli Amici della quinta dimensione e oltre erano cosi' numerosi che facevo fatica a muovermi, gh gh gh.
Rappresentanti della Federazione dei Pianeti, del Popolo del Drago, del Piccolo Popolo e innumerevoli splendidi amici di luce che volevano essere presenti si sono aggregati, strada facendo. Impossibile descrivere cosa sentivo durante il viaggio, come al passaggio di ogni ponte spiccassero il volo seguendo l'auto, verso  l'appuntamento tanto atteso. Lungo la strada mille segnali indicavano il Passaggio, l'arrivo del Portale e scandivano l'attesa. Tutto era fermo, sospeso in un giorno senza tempo in cui ogni tempo convergeva, carico di presagi.
E l'arrivo è stato scandito dalla sistemazione, dall'accoglienza, come la grande hall di un albergo, dove con ordine e gran vociare tutti prendevano posto come meglio riuscivano. E' stato al suono della conchiglia,  al primo suono, che i miei peli si sono drizzati tipo istrice...
Impressionante come tutto è caduto nel silenzio, come ogni volto si sia girato verso quel suono a come tutti, dal lago al Mottarone, dal tetto vicino al cortile, tutti, si sono avvicinati, pronti.
Ma quanti eravate? 
GRazie ai fratelli della Terra, alla mia famiglia d'anima, grazie agli Esseri di luce, grazie a tutti i presenti di qualsiasi razza e mondo,  per esserci stati, per la Firma apposta, per l'Onore che ci avete voluto concedere.
Onore e Gloria  a voi.
Noi siamo il Portale, ma quale Stargate?



sabato 5 novembre 2011

oggi ringrazio

Oggi ringrazio… Per tutto quello che ho dato
e per tutto quello che ho ricevuto.
 
Per la bellezza nella mia vita
 e per i dolori che ho conosciuto.
 
Per le sfide che ho affrontato
e per quanta strada ho fatto finora.
 
Per il mio coraggio e i miei doni
e per la saggezza che ho conquistato.

Per il viaggio e l’esperienza
e per la gentilezza lungo la via.
 
Per i miei sogni e i miei desideri
e per la fiducia che ho imparato.

Per la gioia e l’inspirazione,
e per lo scopo che ho appena scoperto.

Per i miracoli che verranno,
e per quello che il domani ha in serbo per me.

Per tutto l’amore che ho conosciuto
e per quello che ho ancora da dare.

Per i miei amici, per la mia casa, e per la mia famiglia
e per il tempo di trovare me stesso.

Per l’abbondanza e la semplicità
e per la grazia e l’opportunità.

Per la possibilità di fare la differenza
e per la fede di sapere che la farò.

D.D. Watkins
www.animeradianti.it

 grazie Sole..........................

giovedì 3 novembre 2011

da parte di Raugh



Sei un portento
che incute spavento
giovane donna
senza la gonna.
Rifletti un istante
e bevi alla fonte
sei una costante che non ritorna.
Segui il tuo cuore e brilla d'amore
queste sono le parole da un'antico signore.
e non scordare
ancor di tremare
perchè tu ancora devi ricordare
nei tenchi antichi sapevi,
nei tempi odierni ancora sognavi.
Queste sono le parole
per l'altrui cuore.
Lei già saprà.
Donale con amore

Da raugh per mano di imshar
 
grazie Imshar un grattino a Raugh

domenica 30 ottobre 2011

tutto per Lui

mercoledì 26 ottobre 2011

Intra duobus malis, minor est semper eligendum

La presenza di alternative rende più facile la soluzione delle problematiche? oppure confonde ulteriormente le idee?
NO, è la presenza dei soldi che permette o meno  le alternative ai problemi e di conseguenza le possibili diverse soluzioni finali.
E' tutto e solo una questione di soldi, per me, ultimamente, quando cerco di trovare una soluzione alternativa.
La cifra non è da considerare, poichè, quando mancano  in proporzione, qualsiasi cifra diventa esosa,  per cui ecco che alla fine dei conti, dopo molti sacrifici e prove, tutto deve essere sospeso per mancanza di fondi, e rimane una, sola, unica soluzione.
Vediamo di cosa sto parlando.
Ho speso cifre considerevoli negli ultimi due anni, per curarmi con successo attraverso medicine omeopatiche una tiroide che faceva la matta. Nonostante la presenza di noduli di buone e lo metto tra parentesi, dimensioni, fiduciosa ho continuato. I risultati sono ottimi, ma i soldi sono finiti. Le cure devo sospenderle perchè per continuare, e la cosa durerebbe anni,  serverebbe una buona cifra annuale che non ho.
Per cui, mi resta un unica soluzione: la chirurgia e l'asportazione totale della tiroide.
Una pastiglietta di eutirox e via il dolore,  ok.


Il buon combattimento prevede anche la resa, e quando è una buona resa, dopo che molto si è combattuto ed usato le tecniche a disposizione, quando le risorse sono esaurite e  non resta altro, allora la resa è una buona resa.
IL Guerriero questo lo sa bene, e il ricordo delle battaglie, delle vittorie ottenute, rinfranca il cuore, la guerra  è persa,   ma la resa propone una discreta  sopravvivenza delle energie rimaste.
E queste energie, possono essere rinnovate, quando la ricostruzione avrà inizio.

lunedì 24 ottobre 2011

CANDY CANDY

La lince è il custode dei misteri tra gli animali-totem. E la conoscitrice e la guardiana di tutti gli antichi segreti, anche di quelli già caduti nell'oblio. Essa sembra muoversi libera da legami di tempo e spazio e restando quasi sempre chiusa nel silenzio, è molto difficile riuscire a carpirle un po' delle sue conoscenze. Se una lince appare nei vostri sogni, questo vuole significare che esiste un segreto, o in voi stessi o in qualcuno a voi vicino, del quale siete ancora all'oscuro. Se un individuo è in possesso di una considerevole energia della lince, egli avrà capacità di veggenza e di profonda introspezione; mediante queste, saprà riconoscere il vero se stesso e la vera identità, il sé più profondo delle persone che ha di fronte. Saprà anche riconoscere con certezza le tecniche di auto-inganno che ognuno usa quotidianamente. L'unica possibilità di venire in possesso di alcune delle sue conoscenze è di retribuirlo adeguatamente per rivelarle, secondo l'usanza degli sciamani e dei profeti. Questa usanza rientra infatti nella loro tradizione ed è basata sul principio dello scambio reciproco di energie
Nella religione egizia la lince era chiamata Maftet, ed era considerata amica dei defunti. Nell’antico folclore ellenico si pensava che la lince potesse vedere attraverso i mari e le montagne, nonché svanire nell’aria. Nelle credenze cristiane medievali l’animale era simbolo dell’onniscienza e della vigilanza di Cristo, grazie alla sua vista magica. Tuttavia era anche simbolo dell’avarizia e, a causa delle sue orecchie appuntite, a Belzebù. Si pensava che la sua urina si mutasse in pietre preziose, e che la lince le nascondesse sottoterra affinché nessuno potesse trovarle. Secondo alcuni, la prima fiera incontrata da Dante Alighieri nella “Divina Commedia” (la “lonza”) è una lince. 

 GRANDISSIMA E BELLISSIMA  CANDY CANDY, LA MICIONA CHE FA PARTE DI ME. 
CUKIDENT, CODA, CANDYCANDY E COBRETTI , VI ADORO. SMAK SMAK SMAK.

giovedì 13 ottobre 2011

NON ANCORA

non ancora, non sei pronta,  è necessaria altra disciplina, ma dovrai  esserlo per l'incontro, Navigator.

martedì 11 ottobre 2011

ANGEL IN THE AUTUMN

 dal sito di CAVALIERE DEL CUORE

la traduzione è improponibile, ma deve essere bellissima, l'ho letta e mi ha scaldato il cuore.


Angel, angel, love afar,
How I wonder that we are.
Here across the nation wide,
From Pompeii to coaster ride.
/
When the dreaming moon is bright,
When dancers weave in the night,
Then you show your Angel light,
In heart’s duet holding tight.
Angel, Angel, love afar,
How I wonder that we are.
/
Our Heart’s songs sing aloud inside,
Lips meet and our arms abide;
Day is night and our night is day,
Telescoping time and breath’s way.
Angel, Angel, love afar,
How I wonder that we are.
/
There you are in your dark keep,
I am here as you do sleep,
In the Autumn, my dear,
Joined as one without fear.
Angel, Angel, love afar,
How I wonder that we are.

  da http://knightsheart.wordpress.com/

venerdì 7 ottobre 2011

CUKIDENT


Ma tu guarda che trovo.............bella foto e?  eh eh
Bhè, Cukident, l'Iguanuccio mio,  proprio cosi' arrotolato non è però dai, è bellissimo. Due ci sono, magari fossi capace di mescolare le foto...

Il Drago d'Acqua
 tale considero lo spirito dell'Iguana perchè è nell'acqua che la concepisco.

Un drago d’acqua porta alla luce emozioni, ricordi e desideri, dimenticati o rimossi. Aiuta a lavorare sulle emozioni irrisolte e offre sostegno  per affrontare dolorose esperienze del passato. Questo totem può aiutarci a raggiungere un senso di pace e di equilibrio nella nostra vita. Aiuta a perdonare, ritrovando la compassione  e il coraggio di lasciar andare il passato. 



questo è quanto ho trovato sulla simbologia el Drago d'Acqua.
    stessa cosa , tanto che per me non c'è differenza,  è l'allineamento PHYSIGNATHUS CONCINCINUS          con questa bellissima creatura, quando parlo di drago d'acqua mi riferisco a loro,  a queste straordinarie bellezze.


Questo Totem consente di operare il salto, vive  tra le rocce e il mare, con un piede a bagno e uno all'asciutto,  sa destreggiarsi velocemente quanto essere pigra .
quanto segue l'ho trovato su un forum, non so se ci siano diritti di autore.
Io mi scuso e provvederò a cancellare tutto su richiesta immediatamente, però è talmente bello, talmente bello, che posso solo ringraziarne l'autore.
ecco qua:
L'IGUANA

 TRATTO DAL FORUM :http://www.disegniediparole.it

".....L'iguana guarda le stelle e sogna
un'altra notte, un altro cielo. ...........

la lingua rettile lecca la terra
e ne scaturisce amore.*

* Diritti di redazione: dall'archivio delle scritture di DISEGNIEDIPAROLE©®, per gentile concessione dell'autore
 

L'iguana è un enigma, è un fossile vivente, è un mistero affascinante che attraverso adattamenti vari avvenuti in tempi lunghissimi è riuscita a diventare un animale marino, restando rettile, senza peraltro essere anfibio per costituzione biologica. L'iguana ancora più di altri rettili è la lucertola che bene si addice a rappresentare il guardiano del tempo.
Nei suoi occhi e nel suo corpo vi è infatti inciso il segreto temporale dello spazio terracqueo in tutta la sua ambivalenza. Acqua e terra, terra e acqua marina, sale e sole in un unico mistero antico e ancestrale. Sul corpo dell'iguana da secoli si sedimenta il sale sotto forma di minuscoli cristalli, la sua pelle trattiene minuscole particelle di calcare come se il sedimento del tempo la volesse segnare. La sua somiglianza con i draghi ne sottolinea la natura di sauro che si dispiega al sole in una pelle di tipo complesso e conturbante. L'iguana è un simbolo, un archetipo, un segreto messo tra il cielo e noi uomini che non abbiamo la conoscenza neanche per capire se domani pioverà o farà bel tempo e che non sappiamo districarci nel tempo senza l'ausilio di un meccanismo tecnologico chiamato orologio. L'iguana vista nuotare nel mare, con le zampe ritratte addosso al corpo, assomiglia ad un inquietante tozzo serpente, vista invece camminare sulla terra essa appare di una dolcezza infinita e arcaica.
Essa vive sotto il sole e per il sole ed il sole le regala il tocco della vita.
L'iguana inoltre, trattiene in sè e nel proprio nome, la propria identità neutra, l'ambiguità dell'appartenenza maschile o femminile. L'iguana riesce così ad essere invariabilmente maschile e femminile. Un esempio? L'iguana è un animale, l'iguana è una lucertola d'acqua, essa è un rettile, è un anfibio, essa è una creatura complessa, è un mistero. 


ORA DITEMI, MA QUANTO BELLO E'?......