Combatti come un Leone
Difenditi come una Montagna
Sorgi come il Sole
Muori come un Eroe

giovedì 4 luglio 2013

sono appena diventato papà di un drago

Ci sono cose a cui non so resistere e questa ne è un chiaro esempio.
Non solo è scritto benissimo da rasentare la perfezione, ma , è addirittura costruttivo.
Impossibile rimanere immobili dopo averlo letto a meno che non si appartenga alla categoria sculture.
Ringrazio di cuore per il permesso ed ecco che vi propongo questo capolavoro di architettura letteraria.


La posta del cuore – Sono appena diventato papà di un drago

Dopo l’articolo su quello che succederà nella prossima stagione di Game of Thrones, il blog è diventato (avrei detto inaspettatamente, ma sono un narcisista) luogo di ritrovo dei fan di questa meravigliosa saga. La maggior parte di loro lo fa per insultarmi, ma c’è anche chi vuole solo avere dei consigli. Per inciso, sappiate che, tra i due, preferisco gli insulti. Leggiamo, comunque, questa lettera di L. da V. (che anche le città hanno diritto alla privacy), e vediamo che vuole.
D: Caro Unidays, sono un grande appassionato di GoT e per questo motivo, l’anno scorso, ho comprato delle uova di drago. Io volevo solo un bell’oggetto da esibire in salotto, ma la settimana scorsa la casa ha preso fuoco, così ora mi trovo ospite di amici… e padre di un drago. Cosa posso fare? Considera che mia moglie è contraria agli animali in casa (soprattutto ora che la casa non ce l’abbiamo più) e, se lo venisse a sapere, mi lascerebbe.
R: Caro L., anche se dalla nostra amata serie tv sembra quasi che essere genitore di un drago porti con sé solo dei vantaggi, devi sapere che le cose non stanno affatto così. Certo, ogni tanto potrai mettere a segno una vendetta covata da anni e potresti perfino conquistare un paio di città, ma l’essere il padrone di un rettile alato sputafuoco richiede sacrifici (umani) e un estintore sempre a portata di mano.
La prima cosa da fare è prendere le tre “A” (Amore, Affetto e Attenzione) e buttarle via, perché non è di questo che ha bisogno un drago. Al contrario, dovrai imparare sempre ad assecondare le sue tre “V”: Voli, Viveri e Vittime. Se il cane vuole fare una passeggiata e tu non ne hai voglia, ti abbaierà fino a quando non avrai cambiato idea; se un drago vuole volare e tu non lo accompagni, darà fuoco a tutto ciò che hai di più caro fino a quando non avrai cambiato idea. A tal proposito, ricordati che tu non sei la madre dei draghi, quindi procurati una tuta ignifuga da avere sempre a portata di mano per il momento in cui lo realizzeranno.
Ad ogni modo, non disperare. Il tuo drago resterà di dimensioni ridotte (o comunque gestibili) per almeno un anno, poi inizierà a ingigantirsi come una donna dopo la menopausa. Quindi, a meno che uno degli amici che ti ospita non urli, dopo una serata alcolica, “DRAKARIS!” potresti anche riuscire a nascondere sia a loro che alla tua consorte la presenza del rettile. Nel frattempo, però, ci sono due cose che devi assolutamente fare:
1. Abbandonare il tuo lavoro e aprire una macelleria, visto che i draghi hanno bisogno sempre e comunque di carne. So che hai studiato da perito informatico e non era questo il futuro che ti aspettavi, ma anche tuo padre ha dovuto stravolgere i suoi piani per il futuro per te, e tu non eri neanche potenzialmente in grado di incenerirlo.
2. Andare a vivere in un castello. Questo è il momento migliore: tra la sospensione dell’Imu e le offerte di Groupon, tutti sono in grado di vivere in un castello, anche solo in affitto. Il fatto che tu non abbia più una casa dovrebbe rendere il trasloco meno sospetto. Comunque, se qualche amico insiste con le domande e i sospetti, ricorda che i draghi hanno bisogno di imparare a cacciare molto presto.
Per quanto riguarda tua moglie, infine, la soluzione ideale è quella di metterla davanti al fatto compiuto, ovvero quando l’apertura alare del tuo cucciolo avrà superato i 12 metri. Come ogni partner alle prese con un nuovo animale domestico, all’inizio sarà molto diffidente, ma col tempo riuscirà ad affezionarsi più di te. E poi scommetto che anche lei avrà qualche persona che non le va proprio a genio…