Combatti come un Leone
Difenditi come una Montagna
Sorgi come il Sole
Muori come un Eroe

giovedì 15 settembre 2011

COBRETTI

A lui, alla sua grande capacità di cambiare pelle  ciclicamente rimanendo fedele a se stesso, dedico quanto 
segue.

Il serpente raffigura la forza sia positiva che negativa. porta guarigione e illuminazione, esso rappresenta qualsiasi principio vitale inconscio. rappresenta anche la Dea Kundalini (colei che ascende attraverso i chakra). il serpente racchiude il se le due anime, maschile e femminile. Indica l'importanza della capacità di pensare, di essere cosciente dei propri istinti e del proprio corpo e di scegliere tra bene e male. La maggior parte delle donne ha paura dei serpenti, ma quando s'impara che il serpente (che è stato demonizzato) è l'antico totem delle donne e della guarigione, quando cominceranno a introdurre le sue qualità positive nella propria vita, allora lo vedranno in luce diversa e lo rispetteranno.
è anche simbolo dell'energia pura e semplice, un'energia che cambia spesso forma, proprio come i serpenti che, possono essere marini, dei deserti, dei boschi.. il serpente ama cambiare spesso le sue caratteristiche principali.
In india è strettamente legato al potere delle acque, in occidente invece, per la sua spina dorsale ondeggiante, rappresenta il potere primordiale e arcano.
Una moltitudine di serpenti nel deserto è simbolo di distruzione. proprio per la sua caratteristica cambio di muta rappresenta la resurrezione.

Il serpente simbolizza per gli indiani il ciclo di nascita, vita, morte e rinascita, grazie al processo della muta della pelle.
Tra i tipi di forza che gli vengono attribuiti si annoverano la forza della creazione, della sessualità, del mutamento, dell'anima e dell'immortalità.
Uomini con l'energia del serpente sono piuttosto rari, poiché tra le esperienze che devono attraversare vi è quella di venire in contatto coi veleni senza riportarne danni, cioè imparando a trasformare le sostanze velenose penetrate nei loro corpi in sostanze innocue.
Il serpente è una creatura collegata all'elemento fuoco: a livello del corpo ciò genera passione e desiderio, ma a livello spirituale porta ad accedere al Grande Spirito e a realizzare la saggezza che tutto comprende.Animale-simbolo considerato in modo contraddittorio, in molte culture arcaiche rappresenta il mondo degli inferi e il regno dei morti per la sua abitudine a ritirarsi in luoghi nascosti o in buche della terra, ma anche il suo contrario per quella sua apparente capacità di rigenerarsi attraverso il cambio della muta. In tal modo, e un po' ovunque nel mondo, rimanda alla vita e alla morte, al chiaro e allo scuro, sempre, indissolubilmente, legati.
Essendo in relazione con la terra è in rapporto con gli antenati.
Per questo molte leggende parlano di serpenti sacralizzati.
Rappresenta lo spirito di una grande divinità, cosmografica e geografica.
In Africa è la più antica imago-mundi. In molte cosmogonie è l'Oceano stesso che racchiude in un quadrato la Terra.
cronachedellafenice.blogspot.com/.../


E’simbolo di conoscenza, fecondità, rigenerazione e guarigione per tante culture e tradizioni esoteriche. Inoltre, è legato a tutti e quattro gli elementi: la terra, in quanto si muove su di essa ed è collegato ai poteri tellurici; il fuoco, perché il movimento della sua lingua richiama quello repentino della fiamma, per il bruciore causato dal suo veleno, ma anche per il percorso serpentino della kundalini,il “serpente d’energia”, la quale attraversa tutti i Chakras, risvegliandoli; l’acqua, poiché vive in prossimità dei laghi e dei fiumi e perché evoca l’immagine della rigenerazione e della vita;in fine l’aria, per questa sua potenzialità ascensionale del salire lungo il tronco degli alberi fin quasi a toccare il cielo, simbolo delle energie sottili, invisibili e del non manifesto. Nella Genesi, il serpente sale sull’albero del bene e del male, ovvero l’albero della conoscenza, alla quale Adamo ed Eva pervengono proprio attraverso le sollecitazioni del rettile. Si può affermare che le caratteristiche più significative di questo animale siano la dualità e la polarità proprio per questo contenere nel proprio archetipo coppie di opposti: guarigione e malattia,ordine e caos, rigenerazione e morte. Ma anche una doppia natura: maschile e femminile, ed una doppia qualità estensiva: microcosmo, macrocosmo. Ecco perché, tra tutti gli animali totemici, il serpente è quello universalmente riconosciuto come il più esoterico e simbolico per eccellenza: in lui sono presenti il compiuto e l’eterno divenire,il materiale “manifesto” e l’immateriale eterico, il bene ed il male, il ciclo che si rinnova ed il cerchio che si chiude. 
 tratto da Il volo della fenice.
 questo  bellissimo articolo che posso solo accennare è  tratto dal sito:
http://www.ynis-afallach-tuath.com/public/modules.php?op=modload&name=News&file=article&sid=72
grazie Cobretti, per ciò che sono.

2 commenti:

  1. I totem si fanno amare. Ci credevi poco per il Cobra Ricordo ancora la tua faccia quando lo hai incontrato eh eh eh.
    Ti dissi che è un grande totem ma hai scoperto che è molto ma molto più che grande. E sono contenta che entrambe ce lo abbiamo. Un bacio

    RispondiElimina
  2. Cambiare pelle per una nuova Vita ... è ciò che fanno tutti gli uomini, la maggior parte dei quali inconsapevolmente ...

    RispondiElimina