Combatti come un Leone
Difenditi come una Montagna
Sorgi come il Sole
Muori come un Eroe

lunedì 4 giugno 2012

STIRPE DI DRAGO



  A  volte dimentico, lascio che quanto succede abbia il sopravvento su di me. A volte penso che sono solo una piccola donna, con tutte le paure e le debolezze che una donna porta con se e lascio che siano queste a predominare la mia giornata.
A volte mi dispero alla ricerca di qualcosa che mi piacerebbe mi venisse riconosciuto mentre invece soltanto io lo riconosco. A volte mi sento terribilmente sola,  inutile, mi domando ma che ci faccio ancora qua, desidero andarmene, tornare a casa. A volte mi sento davvero come un briciolina di sabbia traspotata dalla marea e dal vento. A volte mi sembra tutto inutile, vano, sprecato, senza destinazione. A volte mi sento sfinita, priva di forze e scopo,  lontana ed esaurita, assente.

A volte succede, si'.

rimango a cullarmi, in questo crogiolo di brodaglia senza neanche cercare di reagire, ricoprendomi di scarti. E li sovrappongo pure con cura questi scarti, li spolvero,  li classifico, li tengo con me. Non mi fa stare bene questo, tutt'altro, mi fa piangere di continuo quando succede , di un pianto disperato in cui non vedo soluzione.

dura quello che dura ed è una valvola di sfogo, a volte, a volte è proprio un momento di depressione profonda. E' quello che è e fa parte di me, su questo comportamento non accetto critiche.

E' il dopo, che quando arriva è fantastico. E' nel dopo che il mio ginocchio si rialza, che la testa si  solleva,, che carezzo la spada. E' nel dopo che acquisto fierezza, orgoglio, passione di vivere più forte di prima. E' nel dopo che giunge profondo ciò che sono.  E' nel dopo che alzando lo sguardo al cielo ritrovo lo scopo, il destino , che scritto nel mio cuore  è  rivolto là, alle stelle.....alle stelle Bowen, alle stelle.
E nel mio piccolo grande cuore di drago soffia pieno d'orgoglio questo splendente disegno.



2 commenti:

  1. Sei la signora dei Draghi sorella, onore a te.

    RispondiElimina
  2. In sincerità, è far parte di questo antico popolo che mi rende felice. E' l'amicizia, l'amore che sento, il rispetto reciproco, questo forse fa di me una signora dei draghi, nel senso appellativo del termine.
    Ed è quanto ho sempre desiderato. La loro amicizia, il legame sincero. Sai che uso poco bene le parole, in questo caso non servono, ciò che sento è noto a Loro, come a Michele, come a te, sorella dei Draghi di Michele.
    E il mio cuore canta per voi.

    RispondiElimina