Combatti come un Leone
Difenditi come una Montagna
Sorgi come il Sole
Muori come un Eroe

sabato 4 dicembre 2010

Giuda , l'insospettabile.


I figli di Giuda sono sparsi per tutto il pianeta e riconoscerli è quasi impossibile, se non per un impercettibile disagio che procurano quando  capita di frequentarli.
Sono piccoli movimenti  colti al volo che fanno alzare il sopracciglio e pensare: ?????????
a questo punto bisognerebbe porre attenzione, ma non tutti ci arrivano.
Alcuni invece si fidano dei bei gesti, delle belle parole, di quanto ascoltano con le orecchie, si fidano  perchè sono convinti che può esserci del buono in ciascuno di noi, si fidano a tal punto che si mettono in gioco e offrono quanto Giuda sta aspettando: il loro affetto.
Giuda prende, mostra bei modi, gentilezza, accondiscendenza, in cambio rende quanto si vuole sentire e lascia  far intendere , senza smentire ne confermare.

Ma dopo un pò arriva il bello.
Dato che non può sostenere il palcoscenico, perchè non era quello  che mostratava  lo scopo, l'unica maniera che ha per svicolare dalla situazione    che ormai   sfruttata   è per lui esaurita,  è  scaricare sull'altra persona.
Come?
_ a ma non hai capito-
- a ma mi pareva che fosse chiaro fin dal principio-
-a ma hai frainteso quello che dicevo-
-a ma io te lo avevo detto-
- a ma io il messaggio l'ho spedito non è colpa mia se non ti è arrivato-
- sei una delusione non ti facevo cosi'-
- non ho mai detto questo-
- c'è qualcosa che non va-

e mille altre cavolate del genere, scuse, costruite standardizzandole  , pronte per l'uso.
Denominatore comune d ei   figli di  Giuda è l'attesa del piccolo passo falso dell'altro, che serve inmancabilmente come pretesto per chiudere uscendone a testa alta.
Lo sapevate già vero?
Potete riconoscerlo ovunque questo comportamento, una qualsiasi  frase, ( per quanto infelice o a sproposito)  anche una battuta pronunciata per sdramatizzare,  detta senza intenzione malevole,  assume la forma di un offesa mortale, di una cosa indegna e inacettabile, e sei bel che fucilato sul posto.
Senza appello   il figlio di Giuda, dopo aver  preso tutto se ne va, lasciando dietro di se la domanda:
-ma cosa avrò poi detto? Ho sbagliato cosi' gravemente? ma se scherzavo,  ma cosa ho che non va ?

Non c'è nulla che non va,   è a lui che manca la coerenza del cuore con le parole, manca la sincerità e la verità, manca l'onore.
Giuda non ha queste cose, non fanno parte di lui, le ostenta,  le mostra, è un aprofittatore, un opportunista, ma guai a dirglielo, perchè si passa per gente di bassa vibrazione energetica,  involuti insomma.

Quello che Giuda non sa è che alla fine, finirà impiccato......

2 commenti:

  1. Per fortuna ce ne sono pochi e, se capita di incontrarli, prendono il largo in fretta.
    Ciao sorella, mettilo anche in città please.

    RispondiElimina
  2. Ciao Killuccina, a dire il vero non so se siano pochi o molti, però è vero, prendono il largo in fretta.

    Riporto volentieri su Città, un abbraccio.

    RispondiElimina